3° articolo della serie di blog con SwissFoundations!

Più di 13.000 fondazioni no-profit, con un capitale di quasi 100 miliardi di franchi svizzeri, sono impegnate in diverse problematiche sociali nel nostro Paese. Lo spettro spazia dalla classica promozione culturale, scientifica e sociale agli ultimi sviluppi tecnologici e alla promozione dell'innovazione (per saperne di più, consultare il Rapporto annuale della Fondazione Svizzera: www.stiftungsreport.ch).

Uno sguardo all'estero lo dimostra: Il settore delle fondazioni svizzere è anche di livello internazionale. In rapporto al numero di abitanti, in Svizzera ci sono sei volte più fondazioni di beneficenza che negli Stati Uniti o in Germania. Si tratta di un'opportunità e di un obbligo. Sia per il settore che per il legislatore, che farebbe bene a promuovere l'impegno civico in Svizzera. Le condizioni quadro liberali che consentono una gestione e un'amministrazione snella delle fondazioni e una forte supervisione che individua e combatte rapidamente gli abusi dovrebbero andare di pari passo.
Fondate su iniziativa privata e dotate di patrimonio privato, le fondazioni non profit sono impegnate nella società e per la società. Questo obbliga a essere visibili, accessibili e comprensibili. È compito del consiglio di fondazione porsi costantemente il problema dell'impatto: Stiamo ancora facendo la cosa giusta? E lo stiamo facendo nel modo giusto? Ciò richiede una valutazione regolare delle proprie attività, un'osservazione continua dell'ambiente in cui la fondazione opera e un ulteriore sviluppo della governance della fondazione. Il Codice svizzero delle fondazioni fornisce un valido aiuto a questo proposito. Pubblicato nel 2015 nella sua terza edizione e ora disponibile anche online nella sua versione completa(www.swissfoundationcode.ch), offre una guida sulle questioni relative alla costituzione e alla gestione delle fondazioni di beneficenza sotto forma di tre principi fondamentali e 29 raccomandazioni.

Per quanto possa sembrare facile a prima vista creare e gestire una fondazione di beneficenza, diventa impegnativo fin dal secondo momento. La domanda cruciale: cosa fareste se vi dessi venti milioni di franchi svizzeri con la missione di promuovere l'istruzione di ragazze e donne nell'Africa meridionale? Credetemi, il denaro sarebbe sparito in fretta, ci sono buone organizzazioni in molti paesi. Ma quale sarebbe la vostra leva? Da dove inizieresti? Come definirebbe il successo? O addirittura concludereste che il finanziamento diretto dall'Occidente al Sud non è la strada giusta? Le risposte a queste domande sono diverse come le fondazioni stesse.

Tuttavia, il fatto che un numero sempre maggiore di fondazioni si ponga tali domande dimostra quanto rapidamente il settore si sia sviluppato e sia diventato più dinamico negli ultimi vent'anni. E sta diventando sempre più collegato in rete. Quanto più impegnativo è un compito, tanto più importanti sono gli spazi per lo scambio di esperienze e conoscenze. Ad esempio, al prossimo Simposio della Fondazione Svizzera del 21/22 maggio 2019 a Thun(www.stiftungssymposium.ch).
Sarei lieto di darvi il benvenuto "Oltre la zona di comfort" a Thun!

Il tuo

Beate Eckhardt
Direttore generale di SwissFoundations

Pubblicato in Fondazioni promozionali, Fondazioni Svizzera

Lascia un commento