Immagine di Kaspar e Sybille

Lingua originale dell'articolo: Tedesco

Intervista con Sibylle Brodkorb, responsabile della consulenza in materia di successione nella regione di Zurigo e Kaspar Zoelly, esperto fiscale, entrambi presso il Credit Suisse, sul tema delle fondazioni nella pianificazione successoria e sui relativi aspetti di diritto tributario.

Sibylle Brodkorb lavora al Credit Suisse dal 2016 e si occupa di pianificazione patrimoniale da oltre 20 anni. Dal 2018 è a capo del team di consulenza successoria della regione di Zurigo che, oltre alla consulenza successoria, si occupa anche di esecuzioni testamentarie, ovvero di liquidazioni di eredità. Kaspar Zoelly ha lavorato per 24 anni nel settore della pianificazione patrimoniale del Credit Suisse, occupandosi inizialmente di successioni e successivamente di consulenza fiscale. Dal 2004 al 2020 ha guidato il team di consulenza fiscale nella regione di Zurigo e, a seguito di una successione interna al team attuata con successo, dall'anno scorso lavora come esperto fiscale senior.

Per chi le fondazioni sono uno strumento adatto alla pianificazione successoria?

Sibylle Brodkorb (SB): Nella nostra attività di consulenza, capita spesso che i nostri clienti affrontino il tema delle "fondazioni" nel contesto della pianificazione successoria. Una fondazione è particolarmente indicata per le persone senza figli e per coloro che sono emotivamente legati a un'idea benefica. Si deve sempre tenere conto di eventuali diritti su una porzione obbligatoria. Chi desidera sostenere uno scopo benefico può destinare tutto o parte del proprio patrimonio a una fondazione tramite un lascito. Il vantaggio di una soluzione di diritto successorio risiede in particolare nel fatto che il patrimonio è a disposizione del testatore senza limitazioni fino alla sua morte. Un adeguamento, ad esempio in caso di cambiamento delle circostanze di vita, è quindi ancora possibile. In alternativa, si può creare una propria fondazione con parte del proprio patrimonio durante la vita e accompagnarla, ad esempio avendo voce in capitolo nel consiglio di amministrazione sull'utilizzo dei fondi della fondazione.

A che punto ha senso avere una propria fondazione?

SB: Secondo la prassi dell'Autorità federale di vigilanza sulle fondazioni, un capitale iniziale di almeno 50.000 franchi è considerato sufficiente. Tuttavia, vorrei fare una grande Ma allegato. Il capitale della fondazione deve essere sufficientemente elevato da consentire la promozione dello scopo della fondazione in modo adeguato. Se consideriamo anche che molte fondazioni (sono autorizzate a) realizzare lo scopo della fondazione solo attraverso il reddito del patrimonio, e che i costi amministrativi devono comunque essere pagati dal reddito, riteniamo che il patrimonio della fondazione dovrebbe essere notevolmente più alto. Se i progetti o i programmi devono essere finanziati, è necessaria una gestione professionale dei progetti per la loro selezione e il loro monitoraggio. In molte fondazioni, ciò non può essere garantito affatto o solo in modo inadeguato a causa della mancanza di know-how o di costi troppo elevati.
In un'ottica di efficienza dei costi, è quindi spesso opportuno considerare come alternativa una sottofondazione dipendente all'interno di una fondazione mantello. In questo caso, il capitale di fondazione fornito dal fondatore alla fondazione mantello viene utilizzato per lo scopo desiderato. Anche in questo caso, il fondatore ha la possibilità di partecipare al processo decisionale sull'allocazione dei fondi in un apposito comitato e beneficia inoltre dell'organizzazione professionale della fondazione madre.
Il Credit Suisse offre ai suoi clienti i seguenti servizi nell'ambito delle tre fondazioni di pubblica utilità da esso istituite Accentusare, Empiris e Sinfasi l'opportunità di realizzare il proprio desiderio di fondazione con una fondazione.

Di cosa bisogna tenere conto quando si crea una fondazione?

SB: Indipendentemente dal fatto che si tratti di una fondazione legalmente indipendente o di una sottofondazione di una fondazione ombrello: Particolare attenzione deve essere prestata alla formulazione dello scopo della fondazione.. Poiché lo scopo della fondazione deve essere promosso per un lungo periodo di tempo, non deve essere definito in modo troppo ristretto, in modo che possa continuare a essere realizzato anche in caso di cambiamenti (imprevedibili). Vorrei fare un esempio concreto: Se un cliente vuole sostenere gli orfani, lo scopo dovrebbe includere meglio il sostegno ai bambini svantaggiati e ai loro parenti piuttosto che il sostegno agli orfanotrofi. Mentre in passato gli orfani venivano generalmente collocati in istituti, oggi l'attenzione si concentra maggiormente sulle famiglie affidatarie. Una volta costituita la fondazione, lo scopo della stessa può essere modificato solo in casi eccezionali.
Raccomando inoltre di formulare con attenzione l'intero processo decisionale all'interno della fondazione: Come dovrebbe essere composto il consiglio di fondazione, chi decide le nuove nomine, quali maggioranze sono necessarie per le decisioni, come viene determinata l'assegnazione dei fondi? Registrando le risposte a queste domande, si possono evitare problemi successivi all'interno della fondazione.

Quali sono le attuali sfide fiscali nel settore delle fondazioni?

Kaspar Zoelly (KZ): Vorrei dire subito che negli ultimi anni le fondazioni hanno assunto un'importanza crescente anche nel contesto della successione aziendale. Le personalità imprenditoriali di successo volevano agire non solo nell'interesse della propria famiglia, ma anche nell'interesse del pubblico in generale e dare un esempio appropriato.
Le sfide: Ci sono due aspetti da considerare, il primo dei quali è probabilmente di natura temporanea. Dal 1° gennaio 2016 è stato introdotto l'obbligo di iscrizione al registro delle imprese per le fondazioni di famiglia. Le fondazioni costituite prima di questa data dovevano iscriversi al registro delle imprese entro il 31 dicembre 2020, altrimenti avrebbero potuto perdere prima o poi la loro personalità giuridica. Inoltre, il consiglio di fondazione inadempiente deve aspettarsi una multa dopo aver mancato la scadenza, esponendosi così a rischi di responsabilità.
A sua volta, l'iscrizione al registro delle imprese richiede uno statuto che sia conforme al diritto delle fondazioni vigente e che sia redatto in modo tale da soddisfare i requisiti di legge. Una successiva modifica degli statuti non conformi alla legge può portare a una liquidazione parziale, che può avere conseguenze fiscali per i beneficiari. Il diritto civile svizzero prevede che le fondazioni di famiglia eroghino prestazioni esclusivamente per l'educazione, la dotazione e il sostegno dei membri della famiglia e per scopi analoghi.
Il secondo aspetto è l'ottenimento dell'esenzione fiscale nell'ambito della costituzione di una fondazione di beneficenza ai sensi dell'art. 80 e segg. dello ZGB. La nostra ambizione è quella di offrire ai clienti che si rivolgono a noi con un'idea di fondazione una soluzione che realizzi in modo ottimale le idee del fondatore e permetta all'ufficio fiscale di garantire l'esenzione fiscale.

Qual è la procedura specifica per ottenere l'esenzione fiscale?

KZ: Le fondazioni non ancora costituite hanno la possibilità di ottenere una sentenza preliminare (assurance) dall'ufficio fiscale competente in merito alla concessione dell'esenzione fiscale nell'ambito di un esame preliminare. Questo riduce al minimo il carico di lavoro e i costi di consulenza. Assistiamo i nostri clienti nell'ottenimento di questa pregiudiziale, in modo che il fondatore della fondazione possa realizzare il progetto in modo fiscalmente ottimizzato.
Per poter ottenere tale pregiudiziale, è necessario presentare una domanda scritta all'ufficio delle imposte competente. Per una consulenza mirata, è importante che il fondatore della fondazione ci dica esattamente quali sono i suoi obiettivi finali. L'elemento centrale dell'esenzione fiscale è, da un lato, l'elemento di "altruismo" e, dall'altro, l'assoluta obbligatorietà della "cerchia aperta di beneficiari". Una volta definita con chiarezza la situazione iniziale e le aspettative, presentiamo la domanda (tax ruling) all'ufficio fiscale competente nell'ambito del suddetto esame preliminare. La successiva garanzia di esenzione fiscale da parte dell'Ufficio delle imposte consente alle parti interessate di costituire la fondazione. Richiediamo quindi la delibera formale di esenzione fiscale per la fondazione costituita.

Come influiscono le donazioni sulla dichiarazione dei redditi?

KZ: Le autorità fiscali vogliono creare incentivi per le istituzioni che si impegnano a favore del pubblico, oltre che dello Stato, per ricevere i loro fondi. Se una persona fisica soggetta a imposta in Svizzera dona una somma di denaro a una fondazione esente da imposta ai sensi della legislazione svizzera, può dedurre tale importo dal reddito netto nella dichiarazione dei redditi. Nella maggior parte dei cantoni, questo risparmio fiscale è limitato al 20% del reddito netto.

Pubblicato in Fondatori, Fondazioni Svizzera

Lascia un commento