Come già trattato in questo blog, il crowdsourcing si è ormai affermato come strumento per il crowdfunding di progetti innovativi o idee imprenditoriali. Diverse piattaforme offrono il servizio. Quindi potrebbe essere il momento di mettere in discussione anche lo strumento.

Di recente, ho avuto una conversazione con il consiglio di amministrazione di una piccola ONP umanitaria su alcuni degli aspetti più critici di questa forma di finanziamento. L'organizzazione stava rivedendo la propria strategia di raccolta fondi e voleva incorporare specificamente il crowdsourcing nel proprio kit di strumenti. Il Consiglio di amministrazione ha deciso di opporsi in linea di principio, ma con la possibilità di eccezioni.

Quali considerazioni hanno guidato il consiglio in questa decisione? Un po' di informazioni di base su questo argomento: L'organizzazione è ben radicata a livello locale e dispone di una base di donatori affidabile, vicina all'organizzazione e con cui mantiene contatti attivi. I mezzi di comunicazione principali dell'organizzazione sono un sito web accattivante e un profilo Facebook ben curato. Entrambi sono aggiornati con notizie settimanali o anche più frequenti. Ulteriori contatti avvengono attraverso diversi eventi organizzati di anno in anno: Concerti, spettacoli nei mercati, escursioni comuni. Inoltre, l'associazione invia più volte all'anno un'interessante newsletter. Lettere ed e-mail personalizzate vengono inoltre inviate ai soci e agli amici più volte all'anno. Con queste misure è possibile raccogliere i fondi necessari per realizzare gli obiettivi dell'associazione. Poiché tutti i costi delle attività di raccolta fondi sono sostenuti dal consiglio direttivo e dai soci, non ci sono quasi costi, a parte qualche franco di spese bancarie.

Per poter fare crowdsourcing con successo, devono essere soddisfatte alcune condizioni di base: Lo scopo della collezione deve essere chiaramente definito e confezionato in una storia concreta e attraente. Sono indispensabili descrizioni dettagliate del progetto, foto e video. L'ONP avrebbe potuto soddisfare bene questa condizione. Ha molte storie convincenti ed emotivamente attraenti da raccontare.
Tuttavia, il problema sorge già con la condizione successiva: Affinché una campagna di crowdsourcing abbia successo, l'organizzazione dovrebbe avere circa un terzo della quantità di crowdsourcing desiderata sul numero della piattaforma, di sicuro molto rapidamente. Perché i donatori non sono convinti solo dalla storia, ma vogliono vedere un rapido successo. Per salire sul carro, molti vogliono essere sicuri che l'obiettivo sarà raggiunto, secondo il motto: ciò che tutti sostengono deve essere buono. A tal fine, l'organizzazione avrebbe dovuto rivolgersi ai propri donatori, già amici, e motivarli a donare attraverso questo canale. Questo, mi ha detto il consiglio, avrebbe avuto quattro ripercussioni negative a suo avviso: In primo luogo, avrebbe portato automaticamente all'autocompetizione. In secondo luogo, i costi della piattaforma di crowdsourcing avrebbero ridotto le entrate delle donazioni, se l'obiettivo del crowdsourcing fosse stato raggiunto. A questo proposito, va detto che il Consiglio di amministrazione ha ritenuto che difficilmente si sarebbero ottenuti nuovi donatori in aggiunta a quelli esistenti. In terzo luogo, l'intera operazione sarebbe decaduta se non si fosse raggiunto l'importo desiderato: Dopo tutto, nella stragrande maggioranza dei casi, il principio del tutto o niente entra in gioco nel crowdsourcing. Se l'importo prefissato non viene raggiunto entro un periodo di tempo predefinito, le donazioni tornano ai donatori. In questo caso, il consiglio direttivo ha intravisto il pericolo che gli attuali donatori non avrebbero fatto una seconda donazione all'associazione anche se la raccolta non si fosse concretizzata, convinti di aver già fatto un impegno di donazione una volta.

Per questi motivi, il Consiglio ha deciso di non ricorrere al crowdsourcing strategico. Tuttavia, l'associazione terrà d'occhio la scena del crowdsourcing e si riserva la possibilità di ricorrere a questa forma di raccolta fondi in caso di emergenza, nel caso di eventi molto acuti che richiedano una raccolta rapida di fondi.

In cambio, il Consiglio ha ritenuto utile una maggiore e più proattiva collaborazione con le fondazioni. Maggiori informazioni in un blog successivo.

Prof. Rodolfo Ciucci
Docente di comunicazione

Università di scienze applicate della Svizzera nordoccidentale
Università di Scienze Applicate
[email protected]

Logo FHNW

Pubblicato in Crowdfunding, Raccolta fondi

Lascia un commento